Il Giudice puo’ trarre la prova dell’elemento oggettivo del reato di cui al Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 2 non solo da prove documentali ma anche da prove testimoniali

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 9 maggio 2018, n. 20422

Le massime estrapolate

Il giudice puo’ esercitare il potere di disporre d’ufficio l’assunzione di nuovi mezzi di prova, previsto dall’articolo 507 c.p.p., anche con riferimento a quelle prove che le parti avrebbero potuto richiedere e non hanno richiesto.
L’ammissione di una prova testimoniale non tempestivamente indicata dalla parte nell’apposita lista testimoniale non comporta alcuna nullita’, ne’ la prova in questione, dopo essere stata assunta, puo’ essere considerata inutilizzabile, considerato che rientra nei poteri del giudice acquisire prove anche d’ufficio, come previsto dall’articolo 507 c.p.p.
Il principio generale della fase della valutazione della prova e’ quello del libero convincimento del Giudice: il Giudice, con il limite dell’onere di motivazione, e’ libero di determinare la credibilita’ delle fonti e l’attendibilita’ delle rappresentazioni che queste fonti hanno portato nel processo, nel rispetto delle regole che sono stabilite dal codice di procedura penale e senza la presenza di prove legali.
Nel processo penale, a differenza di quanto avviene nel processo civile, non esiste l’istituto della prova legale, che costituisce ipotesi nella quale la legge si sostituisce al libero convincimento del Giudice nella valutazione di un determinato elemento di prova.
Ne consegue l’affermazione che il Giudice puo’ trarre la prova dell’elemento oggettivo del reato di cui al Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 2 non solo da prove documentali ma anche da prove testimoniali ove, come avvenuto nella specie con riferimento alle dichiarazioni rese dal teste (maresciallo della Guardia di Finanza), dia adeguatamente conto della attendibilita’ e credibilita’ delle fonti e degli elementi di prova posti a fondamento dell’affermazione di responsabilita’.
Il dolo di evasione deve sussistere al momento della consumazione del reato e, dunque, in quello della presentazione (o trasmissione in via telematica) della dichiarazione nella quale sono indicati gli elementi passivi fittizi, non in quello antecedente della annotazione in contabilita’ della fattura; la presentazione/trasmissione della dichiarazione si traduce in un atto che esce dalla sfera soggettiva del contribuente, per porsi quale elemento strutturale della fattispecie, la cui realizzazione segna la consumazione del reato.
Inoltre, l’accertamento del dolo specifico costituito dal fine di evadere le imposte, che concorre ad integrare il reato di cui al Decreto Legislativo 10 marzo 2000, n. 74, articolo 2, e’ riservato al giudice di merito e, se adeguatamente e logicamente motivato, e’ incensurabile in sede di legittimita’

Sentenza 9 maggio 2018, n. 20422

Data udienza 27 febbraio 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ANDREAZZA Gastone – Presidente

Dott. GALTERIO Donatella – Consigliere

Dott. ACETO Aldo – Consigliere

Dott. DI STASI Antonella – rel. Consigliere

Dott. CORBETTA Stefano – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
(OMISSIS), nato a (OMISSIS);
avverso la sentenza del 14/07/2017 della Corte di appello di Milano;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere Dott.ssa Antonella Di Stasi;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Dott. Romano Giulio, che ha concluso chiedendo il rigetto del ricorso;
udito per l’imputato l’avv. (OMISSIS), in sostituzione dell’avv. (OMISSIS), che ha concluso riportandosi ai motivi.

RITENUTO IN FATTO

1. Con sentenza del 14/07/2017, la Corte di appello di Milano in parziale riforma della sentenza del Tribunale di Pavia del 29.4.2016 – che aveva dichiarato (OMISSIS), nella qualita’ di titolare della omonima ditta individuale, responsabile dei reati di al Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 8, comma 1 (capo 2) e comma 2, comma 1 (capi 3, 4, 5) (assolvendolo dal reato di cui al capo 1) e lo aveva condannato alla pena di anni due e mesi tre di reclusione – dichiarava non doversi procedere in ordine ai reati di cui ai capi 2) e 3) per essere estinti per prescrizione e riduceva la pena ad anni due e mesi uno di reclusione.
2. Avverso tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione (OMISSIS), a mezzo del difensore di fiducia, articolando quattro motivi di seguito enunciati nei limiti strettamente necessari per la motivazione, come disposto dall’articolo 173 disp. att. c.p.p., comma 1.
Con il primo motivo deduce violazione dell’articolo 507 c.p.p. e del diritto di difesa, lamentando che il Tribunale aveva disposto l’esame testimoniale dei militi della Guardia di Finanza delle sezioni di Voghera e Clusone, nonostante essa non fosse mai stata richiesta dal P.M, esercitando i poteri di cui all’articolo 507 c.p.p. prima che fosse terminata l’acquisizione della prova; proposto motivo di appello sul punto, la Corte territoriale aveva erroneamente ritenuto che il Tribunale avesse correttamente applicato il disposto dell’articolo 507 c.p.p., in quanto le verifiche effettuate dalle sezioni di Voghera e Clusone non erano state mai acquisite neppure in fase di indagini preliminari e la difesa si era opposta all’escussione dei testi in questione.
Con il secondo motivo deduce violazione del Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 2in relazione alla configurabilita’ della condotta tipica, lamentando che la Corte territoriale aveva tratto la prova dell’elemento costitutivo del reato (indicazione delle fatture o di altro documento in una delle dichiarazioni sui redditi o sul valore aggiunto) dalle dichiarazioni rese dal teste (OMISSIS).
Con il terzo motivo deduce vizio di motivazione in relazione alla sussistenza del dolo specifico, lamentando che la motivazione esposta dalla Corte territoriale era di mero stile e fondata su una non corretta valutazione del materiale probatorio.
Con il quarto motivo deduce violazione di legge in relazione al trattamento sanzionatorio, lamentando che, nonostante la dichiarazione di estinzione del reato di cui al capo 2), individuato dal Tribunale quale reato piu’ grave, la Corte territoriale non aveva rideterminato la pena considerando i soli fatti di cui ai capi 4) e 5), meno gravi di quelli coperti dalla prescrizione.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il primo motivo di ricorso e’ manifestamente infondato.
Secondo la consolidata giurisprudenza di questa Suprema Corte, il giudice puo’ esercitare il potere di disporre d’ufficio l’assunzione di nuovi mezzi di prova, previsto dall’articolo 507 c.p.p., anche con riferimento a quelle prove che le parti avrebbero potuto richiedere e non hanno richiesto; (Sez. U, n. 41281 del 17/10/2006, Rv. 234907; Sez. 2, n. 31882 del 30/06/2016, Rv. 267505; Sez. 3, n. 38222 de 25/05/2017, Rv.270802).
Ed e’ stato precisato che l’ammissione di una prova testimoniale non tempestivamente indicata dalla parte nell’apposita lista testimoniale non comporta alcuna nullita’, ne’ la prova in questione, dopo essere stata assunta, puo’ essere considerata inutilizzabile, considerato che rientra nei poteri del giudice acquisire prove anche d’ufficio, come previsto dall’articolo 507 c.p.p. (Sez. 5, n. 8394 del 02/10/2013, dep. 21/02/2014, Rv. 259049; Sez. 5, n. 15325 del 10/02/2010, Rv. 246873; Sez. 5, n. 8394 del 02/10/2013, dep. 2014, Rv. 259049; Sez. 2, n. 31882 del 30/06/2016, Rv. 267505, cit.).
2. Il secondo motivo di ricorso e’ manifestamente infondato.
Com’e’ noto, il principio generale della fase della valutazione della prova e’ quello del libero convincimento del Giudice: il Giudice, con il limite dell’onere di motivazione, e’ libero di determinare la credibilita’ delle fonti e l’attendibilita’ delle rappresentazioni che queste fonti hanno portato nel processo, nel rispetto delle regole che sono stabilite dal codice di procedura penale e senza la presenza di prove legali.
Nel processo penale, a differenza di quanto avviene nel processo civile, non esiste l’istituto della prova legale, che costituisce ipotesi nella quale la legge si sostituisce al libero convincimento del Giudice nella valutazione di un determinato elemento di prova.
Ne consegue l’affermazione che il Giudice puo’ trarre la prova dell’elemento oggettivo del reato di cui al Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 2 non solo da prove documentali ma anche da prove testimoniali ove, come avvenuto nella specie con riferimento alle dichiarazioni rese dal teste (OMISSIS) (maresciallo della Guardia di Finanza di Pavia), dia adeguatamente conto della attendibilita’ e credibilita’ delle fonti e degli elementi di prova posti a fondamento dell’affermazione di responsabilita’.
3. Il secondo motivo di ricorso e’ manifestamente infondato.
Questa Corte ha affermato che il dolo di evasione deve sussistere al momento della consumazione del reato e, dunque, in quello della presentazione (o trasmissione in via telematica) della dichiarazione nella quale sono indicati gli elementi passivi fittizi, non in quello antecedente della annotazione in contabilita’ della fattura; la presentazione/trasmissione della dichiarazione si traduce in un atto che esce dalla sfera soggettiva del contribuente, per porsi quale elemento strutturale della fattispecie, la cui realizzazione segna la consumazione del reato (Sez U, n. 2333 del 03/02/1995, Aversa, Rv. 200260; Sez. 3, n. 25808 del 16/03/2016, Pescali, Rv. 267659; Sez.3, n.37848 del 29/03/2017, Rv.271044).
Inoltre, l’accertamento del dolo specifico costituito dal fine di evadere le imposte, che concorre ad integrare il reato di cui al Decreto Legislativo 10 marzo 2000, n. 74, articolo 2, e’ riservato al giudice di merito e, se adeguatamente e logicamente motivato, e’ incensurabile in sede di legittimita’ (Sez. 3, n. 27112 del 19/02/2015, Rv. 264390).
Nella specie, i Giudici di merito hanno tratto la prova del dolo di evasione dalle stesse modalita’ della condotta caratterizzata da una sistematica creazione di costi e voci passive inesistenti- portati dalle fatture per operazioni inesistenti indicate scientemente nelle relative dichiarazioni dei redditi – inserita “nel quadro all’interno del quale l’imputato era solito agire, intrattenendo regolarmente rapporti commerciali fittizi con ditte individuali fantoccio”.
La motivazione offerta dalla Corte territoriale a fondamento dell’accertamento dell’elemento psicologico ha tenuto conto di tutti gli elementi fattuali rilevanti, e si connota come adeguata e priva di vizi logici e, pertanto, si sottrae al sindacato di legittimita’.
4. Il quarto motivo di ricorso e’ manifestamente infondato.
La Corte territoriale, nel rideterminare la pena a seguito della intervenuta prescrizione del reato piu’ grave (capo 2) sul quale era stata calcolata la pena base, determinando la nuova pena base in misura identica a quella del reato piu’ grave dichiarato prescritto, ha irrogato una pena finale inferiore a quella applicata dal primo giudice cosi’ non incorrendo nella violazione dell’articolo 597 c.p.p..
Va ricordato che nel giudizio di appello, il divieto di “reformatio in peius” della sentenza impugnata dal solo imputato non riguarda unicamente l’entita’ complessiva della pena, ma tutti gli elementi autonomi che concorrono alla sua determinazione, per cui il giudice di appello, quando esclude uno dei reati in continuazione e per l’effetto infligge una sanzione inferiore a quella applicata in precedenza, non puo’ fissare la pena base in misura superiore rispetto a quella determinata in primo grado (Sez. un., 27 settembre 2005, n. 40910, William Morales, Rv 232066; nonche’ Sez. 2,n.5502 del 22/10/2013, dep.04/02/2014, Rv.258263, che ha affermato che nel giudizio di appello instaurato a seguito di impugnazione del solo imputato, viola il divieto della “reformatio in peius” il giudice che, in ipotesi di reato continuato, dichiari la prescrizione per la violazione ritenuta piu’ grave in primo grado e ridetermini la nuova pena base in relazione ad altro reato, in maniera superiore a quella in precedenza stabilita e Sez. 2, n.48259 del 23/09/2016, Rv.268636, che ha ribadito che nel giudizio di appello, il divieto di “reformatio in peius” della sentenza impugnata dal solo imputato non riguarda unicamente l’entita’ complessiva della pena, ma tutti gli elementi autonomi che concorrono alla sua determinazione, per cui il giudice di appello, quando esclude uno dei reati in continuazione e per l’effetto infligge una sanzione inferiore a quella applicata in precedenza, non puo’ fissare la pena base in misura superiore rispetto a quella determinata in primo grado.
5. Alla manifesta infondatezza dei motivi proposti consegue la declaratoria di inammissibilita’ del ricorso.
6. Essendo il ricorso inammissibile e, a norma dell’articolo 616 c.p.p., non ravvisandosi assenza di colpa nella determinazione della causa di inammissibilita’ (Corte Cost. sent. n. 186 del 13.6.2000), alla condanna del ricorrente al pagamento delle spese del procedimento consegue quella al pagamento della sanzione pecuniaria nella misura, ritenuta equa, indicata in dispositivo.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro 2.000,00 in favore della Cassa delle Ammende.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: