In tema di legittimo impedimento a comparire

Corte di Cassazione, sezione sesta penale, Sentenza 25 settembre 2018, n. 41590. La massima estrapolata: In tema di legittimo impedimento a comparire, il concomitante impegno del difensore dell’imputato per l’esercizio del patrocinio in un processo civile o per la rappresentanza e l’assistenza di una parte civile non costituisce situazione idonea a determinare l’obbligo per il giudice … Leggi tutto In tema di legittimo impedimento a comparire

Il reato di cui all’articolo 570 c.p. quale reato permanente

Corte di Cassazione, sezione sesta penale, Sentenza 25 settembre 2018, n. 41594. La massima estrapolata: Essendo il reato di cui all’articolo 570 c.p., un reato permanente, mentre in caso di contestazione c.d. aperta, la consumazione cessa con l’integrale adempimento dell’obbligo ovvero con la data di deliberazione della sentenza di primo grado – a condizione che dal … Leggi tutto Il reato di cui all’articolo 570 c.p. quale reato permanente

L’azione civile risarcitoria, esercitata nel processo penale dal soggetto al quale il reato ha provocato danno, puo’ essere accolta soltanto in presenza di una sentenza di condanna dell’imputato

Corte di Cassazione, sezione sesta penale, Sentenza 25 settembre 2018, n. 41601. La massima estrapolata: L‘azione civile risarcitoria, esercitata nel processo penale dal soggetto al quale il reato ha provocato danno, puo’ essere accolta soltanto in presenza di una sentenza di condanna dell’imputato; ne deriva che ove nel giudizio di impugnazione il reato sia stato dichiarato … Leggi tutto L’azione civile risarcitoria, esercitata nel processo penale dal soggetto al quale il reato ha provocato danno, puo’ essere accolta soltanto in presenza di una sentenza di condanna dell’imputato

Si ha consumazione e non mero tentativo del delitto di estorsione, allorché la cosa estorta venga consegnata dal soggetto passivo all’estorsore

Corte di Cassazione, sezione seconda penale, sentenza 5 ottobre 2018, n.44314. La massima estrapolata: Si ha consumazione e non mero tentativo del delitto di estorsione, allorché la cosa estorta venga consegnata dal soggetto passivo all’estorsore e ciò anche nell’ipotesi in cui sia predisposto l’intervento della polizia che provveda immediatamente all’arresto del reo ed alla restituzione … Leggi tutto Si ha consumazione e non mero tentativo del delitto di estorsione, allorché la cosa estorta venga consegnata dal soggetto passivo all’estorsore

Anche a prescindere dall’esistenza di un (espresso) potere di riscuotere la prestazione conseguente alla sua posizione di procuratore ad lites, l’avvocato può porsi come indicatario di pagamento

Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza 25 settembre 2018, n. 22544. La massima estrapolata: Anche a prescindere dall’esistenza di un (espresso) potere di riscuotere la prestazione conseguente alla sua posizione di procuratore ad lites, l’avvocato può porsi come indicatario di pagamento, giacché l’art. 1188 cod. civ., distinguendo tra rappresentante e soggetto (espressamente o tacitamente) indicato dal … Leggi tutto Anche a prescindere dall’esistenza di un (espresso) potere di riscuotere la prestazione conseguente alla sua posizione di procuratore ad lites, l’avvocato può porsi come indicatario di pagamento

La responsabilità per i danni causati dalla fauna selvatica è disciplinata dalle regole generali di cui all’art. 2043 c.c. e non dalle regole di cui all’art. 2052 c.c.

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, Ordinanza 24 settembre 2018, n. 22525. La massima estrapolata: La responsabilità per i danni causati dalla fauna selvatica è disciplinata dalle regole generali di cui all’art. 2043 c.c. e non dalle regole di cui all’art. 2052 c.c.; non è quindi possibile riconoscere una siffatta responsabilità semplicemente sulla base della individuazione dell’ente cui … Leggi tutto La responsabilità per i danni causati dalla fauna selvatica è disciplinata dalle regole generali di cui all’art. 2043 c.c. e non dalle regole di cui all’art. 2052 c.c.

I controlli periodici di funzionamento e taratura dell’autovelox, così come l’omologazione, costituiscono condizioni imprescindibili affinchè gli accertamenti tramite dette apparecchiature possano acquistare efficacia probatoria

  Corte di Cassazione, sezione seconda civile, Ordinanza 24 settembre 2018, n. 22499. La massima estrapolata: I controlli periodici di funzionamento e taratura dell’autovelox, così come l’omologazione, costituiscono condizioni imprescindibili affinchè gli accertamenti tramite dette apparecchiature possano acquistare efficacia probatoria privilegiata ai sensi dell’art. 142 D.Lgs. n. 285 del 1992. Ordinanza 24 settembre 2018, n. 22499 Data udienza … Leggi tutto I controlli periodici di funzionamento e taratura dell’autovelox, così come l’omologazione, costituiscono condizioni imprescindibili affinchè gli accertamenti tramite dette apparecchiature possano acquistare efficacia probatoria

Il modello dell’assicurazione della responsabilita’ civile con clausole “on claims made basis”

Corte di Cassazione, sezioni unite civili, Sentenza 24 settembre 2018, n. 22437. La massima estrapolata: Il modello dell’assicurazione della responsabilita’ civile con clausole “on claims made basis”, che e’ volto ad indennizzare il rischio dell’impoverimento del patrimonio dell’assicurato pur sempre a seguito di un sinistro, inteso come accadimento materiale, e’ partecipe del tipo dell’assicurazione contro i danni, … Leggi tutto Il modello dell’assicurazione della responsabilita’ civile con clausole “on claims made basis”

In tema di sostanze stupefacenti, il solo dato ponderale dello stupefacente rinvenuto non determina alcuna presunzione di destinazione della droga ad un uso non personale

Corte di Cassazione, sezione quarta penale, Sentenza 24 settembre 2018, n. 40941. La massima estrapolata: In tema di sostanze stupefacenti, il solo dato ponderale dello stupefacente rinvenuto non determina alcuna presunzione di destinazione della droga ad un uso non personale, dovendo il giudice valutare globalmente, anche sulla base degli ulteriori parametri normativi, se, assieme al dato … Leggi tutto In tema di sostanze stupefacenti, il solo dato ponderale dello stupefacente rinvenuto non determina alcuna presunzione di destinazione della droga ad un uso non personale

In tema di guida in stato di ebbrezza, sussiste l’obbligo di previo avviso al conducente coinvolto in un incidente stradale di farsi assistere da un difensore di fiducia

  Corte di Cassazione, sezione quarta penale, Sentenza 24 settembre 2018, n. 40934. La massima estrapolata: In tema di guida in stato di ebbrezza, sussiste l’obbligo di previo avviso al conducente coinvolto in un incidente stradale di farsi assistere da un difensore di fiducia, ai sensi dell’articolo 356 c.p.p. e articolo 114 disp. att. c.p.p., in … Leggi tutto In tema di guida in stato di ebbrezza, sussiste l’obbligo di previo avviso al conducente coinvolto in un incidente stradale di farsi assistere da un difensore di fiducia