La condanna alle spese processuali, nel caso di improcedibilita’ per remissione di querela, e’ prevista a carico del querelato, salvo diverso accordo tra le parti

Corte di Cassazione, sezione seconda penale, Ordinanza 24 settembre 2018, n. 41031.

La massima estrapolata:

La condanna alle spese processuali, nel caso di improcedibilita’ per remissione di querela, e’ prevista a carico del querelato, salvo diverso accordo tra le parti; previsione, questa, del tutto ragionevole, considerato che qualsiasi accordo in deroga si risolve necessariamente in una condizione di sfavore per il remittente, a cui il normale regime normativo non attribuisce alcun onere in ordine alle spese processuali.

Ordinanza 24 settembre 2018, n. 41031

Data udienza 15 maggio 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CERVADORO Mirella – Presidente

Dott. DI PAOLA Sergio – Consigliere

Dott. COSCIONI Giuseppe – Consigliere

Dott. DI PISA Fabio – Consigliere

Dott. TUTINELLI Vincenzo – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
Sul ricorso proposto nell’interesse di:
(OMISSIS), nato a (OMISSIS);
visti gli atti, il provvedimento impugnato ed il ricorso;
udita la relazione della causa fatta dal Consigliere Dott. Vincenzo Tutinelli;
sentite le conclusioni del Pubblico Ministero, nella persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.ssa LORI Perla, che ha chiesto provvedersi alla correzione di errore materiale.

RITENUTO IN FATTO 

1. Questa Corte, con sentenza 38703 in data 27 giugno 2017, ha annullato la sentenza della Corte di appello di Trieste del 22 settembre 2016 perche’ il reato e’ estinto per remissione di querela.
2. La Cancelleria Penale del Tribunale di Udine ha avanzato richiesta di correzione dell’errore materiale difettando la condanna al pagamento delle spese.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. La condanna alle spese processuali, nel caso di improcedibilita’ per remissione di querela, e’ prevista a carico del querelato, salvo diverso accordo tra le parti; previsione, questa, del tutto ragionevole, considerato che qualsiasi accordo in deroga si risolve necessariamente in una condizione di sfavore per il remittente, a cui il normale regime normativo non attribuisce alcun onere in ordine alle spese processuali.
2. Nel caso di specie l’atto di remissione non contiene alcun accordo in deroga; deve quindi attuarsi la previsione dell’articolo 340 c.p.p., comma 4, come sostituito dalla L. 25 giugno 1999, n. 205, articolo 13.
3. Trattandosi di contenuto del provvedimento sottratta a valutazione discrezionale da parte del giudice, deve quindi disporsi la correzione dell’errore materiale contenuto nella sentenza della Corte di Cassazione n. 38703 del 27 giugno 2017 nei confronti di (OMISSIS) inserendo in dispositivo, dopo le parole “remissione di querela”, le parole “spese a carico del querelato”.

P.Q.M.

Dispone la correzione dell’errore materiale contenuto nella sentenza della Corte di Cassazione n. 38703 del 27 giugno 2017 nei confronti di (OMISSIS) inserendo in dispositivo, dopo le parole “remissione di querela”, le parole “spese a carico del querelato”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: