La condanna avente ad oggetto il pagamento di una somma di danaro non può in nessun caso essere qualificata come condanna relativa ad un obbligo di fare

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, Ordinanza 2 ottobre 2018, n. 23900.

La massima estrapolata:

La condanna avente ad oggetto il pagamento di una somma di danaro non può in nessun caso essere qualificata come condanna relativa ad un obbligo di fare e non può in alcun modo trovare esecuzione attraverso il procedimento di cui agli artt. 612 e ss. c.p.c., ma può attuarsi esclusivamente attraverso il processo esecutivo di espropriazione forzata

Ordinanza 2 ottobre 2018, n. 23900

Data udienza 19 giugno 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente

Dott. RUBINO Lina – Consigliere

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere

Dott. TATANGELO Augusto – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso iscritto al numero 549 del ruolo generale dell’anno 2015, proposto da:
(OMISSIS), (C.F.: (OMISSIS)), quale procuratrice speciale di (OMISSIS) rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS) (C.F.: (OMISSIS));
– ricorrente –
nei confronti di:
(OMISSIS), (C.F.: (OMISSIS));
– intimato –
per la cassazione della sentenza della Corte di appello di Roma n. 1741/2014, pubblicata in data 14 marzo 2014;
udita la relazione sulla causa svolta nella camera di consiglio in data 19 giugno 2018 dal consigliere Augusto Tatangelo.

FATTI DI CAUSA

(OMISSIS) ha proposto opposizione all’esecuzione nel corso del procedimento esecutivo promosso nei suoi confronti da (OMISSIS) (quale rappresentante del figlio (OMISSIS)) nelle forme dell’espropriazione presso terzi. L’opposizione e’ stata accolta dal Tribunale di Roma.
La Corte di Appello di Roma ha confermato la decisione di primo grado.
Ricorre la (OMISSIS), sulla base di tre motivi.
Non ha svolto attivita’ difensiva in questa sede l’intimato.
E’ stata disposta la trattazione in camera di consiglio, in applicazione degli articoli 375, 376 e 380-bis c.p.c., in quanto il relatore ha ritenuto che il ricorso fosse destinato ad essere dichiarato manifestamente fondato.
E’ stata quindi fissata con decreto l’adunanza della Corte, e il decreto e’ stato notificato alle parti con l’indicazione della proposta.
Il collegio ha disposto che sia redatta motivazione in forma semplificata.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo del ricorso si denunzia “nullita’ della sentenza per violazione dell’articolo 324 c.p.c. e articolo 2909 c.c.. Vizio motivazionale per omesso esame del giudicato esterno”. Con il secondo motivo del ricorso si denunzia “nullita’ della sentenza per violazione o falsa applicazione delle norme sulla rilevabilita’ d’ufficio e sull’efficacia del giudicato esterno”.
I primi due motivi – aventi ad oggetto l’eccezione di giudicato esterno sollevata nel corso del giudizio di merito e rigettata dalla corte di appello – sono connessi e possono essere esaminati congiuntamente.
Essi sono inammissibili, per difetto di specificita’.
La corte di appello – pur affermando, in diritto, che l’eventuale giudicato esterno avrebbe potuto e dovuto essere rilevato anche di ufficio – ha pero’ ritenuto insussistente, in fatto, la prova dell’avvenuta formazione del giudicato formale in ordine alle sentenze (del Tribunale di Tivoli) invocate dall’opposta a fondamento della propria eccezione, in mancanza della relativa certificazione e di altri elementi che deponessero univocamente in tal senso.
Nel ricorso non solo non e’ affermato espressamente che l’avvenuta formazione del giudicato in ordine alle indicate sentenze di primo in grado era stata in realta’ documentata o comunque emergeva dagli atti del giudizio di merito (ne’ che il giudicato si era eventualmente formato successivamente alla sentenza impugnata e che quindi poteva essere documentato nel corso del giudizio di legittimita’), ma addirittura non si allega neanche in modo chiaro, espresso e specifico che il predetto giudicato si sia effettivamente formato e la data in cui cio’ sarebbe avvenuto.
2. Con il terzo motivo del ricorso principale si denunzia “omesso esame della quaestio facti costituita dall’interpretazione del titolo esecutivo secondo criteri logico giuridici”.
Il motivo e’ manifestamente fondato.
Al di la’ della formulazione letterale della rubrica, la ricorrente, nell’esporre le relative censure, denunzia chiaramente l’error in iudicando commesso dalla corte di appello, la quale ha qualificato, in diritto, la sentenza di condanna posta in esecuzione come condanna avente ad oggetto un facere e non un dare, e quindi come titolo esecutivo suscettibile di esecuzione esclusivamente nelle forme di cui agli articoli 612 e ss. c.p.c., e non mediante il procedimento di espropriazione forzata.
La suddetta censura coglie nel segno.
La condanna avente ad oggetto il pagamento di una somma di danaro non puo’ in nessun caso essere qualificata come condanna relativa ad un obbligo di fare e non puo’ in alcun modo trovare esecuzione attraverso il procedimento di cui agli articoli 612 c.p.c. e ss., ma puo’ attuarsi esclusivamente attraverso il. processo esecutivo di espropriazione forzata.
E’ irrilevante in proposito che nel titolo siano indicate determinate e specifiche modalita’ di adempimento dell’obbligo di pagamento, in quanto l’esecuzione di un siffatto obbligo puo’ comunque trovare attuazione esclusivamente attraverso il procedimento di espropriazione forzata: esso implica infatti necessariamente l’aggressione coatta dal patrimonio del debitore e la sua liquidazione al fine di soddisfare l’obbligazione pecuniaria del creditore; cio’ non puo’ avvenire attraverso il procedimento di cui all’articolo 612 c.p.c., che consente esclusivamente di fissare le modalita’ di attuazione di una determinata condotta materiale fungibile (ovviamente diversa da quella avente ad oggetto il pagamento di una somma di danaro) in sostituzione del debitore, ma richiede necessariamente il pignoramento e la conseguente espropriazione forzata dei beni del debitore.
Il processo esecutivo per espropriazione era dunque l’unica via processuale percorribile per ottenere l’attuazione coatta dell’obbligo contenuto nel titolo esecutivo, e tale processo era stato correttamente instaurato dall’avente diritto.
La sentenza impugnata, laddove ha invece erroneamente ritenuto che la procedura esecutiva da utilizzare era quella di esecuzione degli obblighi di fare, va di conseguenza cassata. Non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la controversia puo’ essere decisa nel merito, con il rigetto dell’opposizione.
3. Sono dichiarati inammissibili i primi due motivi del ricorso, e’ accolto il terzo.
La sentenza impugnata e’ cassata e, decidendo nel merito, l’opposizione del (OMISSIS) e’ rigettata.
Per le spese del giudizio si provvede, sulla base del principio della soccombenza, come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte:
– dichiara inammissibili i primi due motivi del ricorso, accoglie il terzo, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta l’opposizione proposta da (OMISSIS);
– condanna (OMISSIS) a pagare le spese dell’intero giudizio in favore della parte opposta, liquidandole, per il primo grado, in complessivi Euro 2.000,00, per il secondo grado in complessivi Euro 2.300,00 e, per il giudizio di legittimita’ in complessivi Euro 3.500,00, nonche’ Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: