Lavoro irregolare, l’utilizzo di lavoratori privi di contratto

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 24 ottobre 2018, n. 27002 La massima estrapolata: In materia di lavoro irregolare, l’utilizzo di lavoratori privi di contratto e dunque non risultanti dalle scritture contabili ovvero da documentazione obbligatoria integra la fattispecie di illecito omissivo, il cui momento consumativo resta identificato nel momento in cui manca la prescritta … Leggi tutto Lavoro irregolare, l’utilizzo di lavoratori privi di contratto

Infortuni sul lavoro, il danno biologico e quello morale

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 24 ottobre 2018, n. 26996 La massima estrapolata: Nei casi di infortuni sul lavoro, mentre il danno biologico è inerente alla salute della persona, oggettivamente riscontrabile, quello morale è più strettamente inerente alla sfera psichica o di animo. Ordinanza 24 ottobre 2018, n. 26996 Data udienza 18 aprile 2018 … Leggi tutto Infortuni sul lavoro, il danno biologico e quello morale

Lavoratore ed il diritto al risarcimento del danno biologico

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 24 ottobre 2018, n. 26995 La massima estrapolata: Al fine del riconoscimento del diritto al risarcimento del danno biologico occorre che il lavoratore che assume di aver contratto una determinata patologia a causa delle insane condizioni di lavoro provi il nesso eziologico tra l’esistenza della malattia e l’inadempimento da parte … Leggi tutto Lavoratore ed il diritto al risarcimento del danno biologico

Questione di legittimità costituzionale art. 6, co. 9, del d. lgs. n. 150 del 2011 nei giudizi di opposizione a ordinanza-ingiunzione di cui all’art. 205 del d. lgs. n. 285 del 1992

Corte di Cassazione, sezione seconda civile, Ordinanza 24 ottobre 2018, n. 26990 La massima estrapolata: E’ manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 6, comma 9, del d. lgs. n. 150 del 2011, nella parte in cui prevede, nei giudizi di opposizione a ordinanza-ingiunzione di cui all’art. 205 del d. lgs. n. 285 del 1992, … Leggi tutto Questione di legittimità costituzionale art. 6, co. 9, del d. lgs. n. 150 del 2011 nei giudizi di opposizione a ordinanza-ingiunzione di cui all’art. 205 del d. lgs. n. 285 del 1992

Comunione legale, denaro “non tracciabile” e pagamento di un acquisto

Corte di Cassazione, sezione terza civile, sentenza 24 ottobre 2018, n. 26981 La massima estrapolata: Se un coniuge in regime di comunione legale dei beni utilizza denaro di provenienza “non tracciabile” per il pagamento del prezzo di un suo acquisto, il bene oggetto di tale acquisto è assoggettato al regime di comunione legale dei beni, anche … Leggi tutto Comunione legale, denaro “non tracciabile” e pagamento di un acquisto

Divisione: istanza di assegnazione in proprietà esclusiva e quella di vendita

Corte di Cassazione, sezione seconda civile, Ordinanza 24 ottobre 2018, n. 26944 La massima estrapolata: Nel giudizio di divisione avente ad oggetto beni immobili, l’istanza di assegnazione in proprietà esclusiva e quella di vendita del bene sono da considerare fra loro antitetiche; ne consegue che, ove la parte che in precedenza abbia avanzato tale istanza, in … Leggi tutto Divisione: istanza di assegnazione in proprietà esclusiva e quella di vendita

Onere di custodia di una strada oggetto di rifacimento, con cantiere aperto

Corte di Cassazione, sezione terza civile, sentenza 24 ottobre 2018, n. 26966 La massima estrapolata: L’onere di custodia di una strada oggetto di rifacimento, con cantiere aperto ma non interdetta alla circolazione anche pedonale, è da ascriversi all’ente titolare della strada (in ispecie, il Comune) unitamente all’appaltatore dell’opera, ed essi sono da individuarsi quali soggetti passivi … Leggi tutto Onere di custodia di una strada oggetto di rifacimento, con cantiere aperto

Prescrizione del diritto al risarcimento del danno derivante da reato

Corte di Cassazione, sezione terza civile, sentenza 24 ottobre 2018, n. 26955 La massima estrapolata: In tema di prescrizione del diritto al risarcimento del danno derivante da reato, il più lungo termine previsto dall’art. 2947, comma 3, c.c. è applicabile, indistintamente, a tutti i possibili soggetti attivi della pretesa risarcitoria, e, quindi, sia in caso di … Leggi tutto Prescrizione del diritto al risarcimento del danno derivante da reato

Affidamento in house di un servizio pubblico locale

Consiglio di Stato, sezione quinta, Sentenza 16 novembre 2018, n. 6459. La massima estrapolata: L’attività prevalente per l’affidamento in house di un servizio pubblico locale può essere conseguita con il fatturato di società controllate, ma questo non può essere riportato all’ammontare del limite previsto dalla normativa, se generato da attività liberalizzate come la vendita dell’energia … Leggi tutto Affidamento in house di un servizio pubblico locale

Rapporto tra l’impugnazione dell’interdittiva antimafia e delle conseguenti determinazioni della stazione appaltante

Consiglio di Stato, sezione terza, Ordinanza 16 novembre 2018, n. 6454. La massima estrapolata: Nel rapporto tra l’impugnazione dell’interdittiva antimafia e delle conseguenti determinazioni della stazione appaltante, assume carattere principale l’impugnazione del provvedimento di prevenzione antimafia che costituisce l’unico presupposto che regge le determinazioni consequenziali assunte dalla stazione appaltante e ai fini della determinazione del … Leggi tutto Rapporto tra l’impugnazione dell’interdittiva antimafia e delle conseguenti determinazioni della stazione appaltante