Appropriazione indebita la nozione di altruita’

Corte di Cassazione, sezione seconda penale,Sentenza 25 febbraio 2019, n. 8337. La massima estrapolata: Nella struttura dell’appropriazione indebita la nozione di altruita’, infatti, non coincide con il diritto di proprieta’ ma si riferisce ad un qualsiasi rapporto in virtu’ del quale il soggetto abbia la legittima disponibilita’ del bene oggetto della successiva appropriazione.Il significato da attribuire nella specifica fattispecie incriminatrice … Leggi tutto Appropriazione indebita la nozione di altruita’

Criterio distintivo tra il reato di truffa e quello di estorsione

Corte di Cassazione, sezione seconda penale,Sentenza 25 febbraio 2019, n. 8340. La massima estrapolata: Il criterio distintivo tra il reato di truffa e quello di estorsione, quando il fatto e’ connotato dalla minaccia di un male, va ravvisato essenzialmente nel diverso modo di atteggiarsi della condotta lesiva e della sua incidenza nella sfera soggettiva della vittima.Ricorre la prima ipotesi delittuosa … Leggi tutto Criterio distintivo tra il reato di truffa e quello di estorsione

Circostanza aggravante dell’esposizione alla pubblica fede

Corte di Cassazione, sezione seconda penale,Sentenza 25 febbraio 2019, n. 8341. La massima estrapolata: La circostanza aggravante dell’esposizione alla pubblica fede, prevista dall’articolo 625, n. 7, cod. pen., sussiste anche nel caso in cui la cosa si trova in luoghi privati ma aperti al pubblico ed e’ soggetta a sorveglianza saltuaria, posto che la ragione dell’aggravamento consiste nella volonta’ di … Leggi tutto Circostanza aggravante dell’esposizione alla pubblica fede

Ai fini dell’operativita’ articolo 526 c.p.p. comma 1 bis

Corte di Cassazione, sezione seconda penale,Sentenza 25 febbraio 2019, n. 8343. La massima estrapolata: Ai fini dell’operativita’ (articolo 526 c.p.p., comma 1 bis) del divieto di provare la colpevolezza dell’imputato sulla base di dichiarazioni rese da chi, per libera scelta, si e’ sempre volontariamente sottratto all’esame dell’imputato o del suo difensore, non e’ necessaria la prova di una specifica volonta’ … Leggi tutto Ai fini dell’operativita’ articolo 526 c.p.p. comma 1 bis

Se l’immobile locato viene riconsegnato con danni eccedenti il normale utilizzo

Corte di Cassazione, sezione terza civile,Ordinanza 7 marzo 2019, n. 6596. La massima estrapolata: Se l’immobile locato viene riconsegnato con danni eccedenti il normale utilizzo, il conduttore è tenuto a pagare, oltre i lavori di ristrutturazione, anche i canoni d’affitto per il periodo necessario alle riparazioni.Qualora, in violazione dell’art. 1590 c.c., al momento della riconsegna l’immobile locato presenti danni eccedenti … Leggi tutto Se l’immobile locato viene riconsegnato con danni eccedenti il normale utilizzo

Non grava sul destinatario di plurime proposte contrattuali alcun obbligo di accettare quella ricevuta temporalmente per prima

Corte di Cassazione, sezione terza civile,Ordinanza 28 febbraio 2019, n. 5834. La massima estrapolata: La violazione dell’articolo 2697 c.c. si configura se il giudice di merito applica la regola di giudizio fondata sull’onere della prova in modo erroneo, cioe’ attribuendo l’onus probandi a una parte diversa da quella che ne era onerata secondo le regole di scomposizione della fattispecie da … Leggi tutto Non grava sul destinatario di plurime proposte contrattuali alcun obbligo di accettare quella ricevuta temporalmente per prima

Responsabilità da omessa custodia di un bene destinato all’attività di culto

Corte di Cassazione, sezione terza civile,Ordinanza 28 febbraio 2019, n. 5841. La massima estrapolata: La responsabilità da omessa custodia di un bene destinato all’attività di culto, anche se per consuetudine asservito a un uso pubblico, grava sul proprietario del bene e non sull’ente territoriale su cui insiste il bene, a meno che non sia dimostrata una detenzione o un potere … Leggi tutto Responsabilità da omessa custodia di un bene destinato all’attività di culto

In caso di investimento di pedone e la responsabilita’ del conducente

Corte di Cassazione, sezione terza civile,Ordinanza 28 febbraio 2019, n. 5819. La massima estrapolata: In materia di responsabilita’ civile da sinistri derivanti dalla circolazione stradale, in caso di investimento di pedone, la responsabilita’ del conducente e’ esclusa soltanto nel caso in cui risulti provato che non vi era, da parte di quest’ultimo, alcuna possibilita’ di prevenire l’evento, situazione questa ricorrente … Leggi tutto In caso di investimento di pedone e la responsabilita’ del conducente

In tema di brevetto per invenzioni industriali

Corte di Cassazione, sezione prima civile,Ordinanza 28 febbraio 2019, n. 5963. La massima estrapolata: In tema di brevetto per invenzioni industriali, dal disposto dell’art. 122, comma 4, del Codice della proprietà industriale, il quale dispone che “l’azione di decadenza o di nullità di un titolo di proprietà industriale è esercitata in contraddittorio di tutti coloro che risultano annotati nel registro … Leggi tutto In tema di brevetto per invenzioni industriali

Anche in relazione alla fattispecie della responsabilita’ da cose in custodia puo’ trovare applicazione l’articolo 1227 c.c. comma 1

Corte di Cassazione, sezione terza civile,Ordinanza 28 febbraio 2019, n. 5808. La massima estrapolata: Anche in relazione alla fattispecie della responsabilita’ da cose in custodia puo’ trovare applicazione l’articolo 1227 c.c. comma 1, il “criterio di imputazione della responsabilita’ di cui all’articolo 2051 c.c. ha carattere oggettivo, essendo sufficiente, per la sua configurazione, la dimostrazione da parte dell’attore del nesso … Leggi tutto Anche in relazione alla fattispecie della responsabilita’ da cose in custodia puo’ trovare applicazione l’articolo 1227 c.c. comma 1