Licenziamento collettivo quando la riduzione di personale si riferisce in modo esclusivo ad un reparto o settore specifico

Corte di Cassazione, sezione lavoro, Sentenza 19 marzo 2019, n. 7642.

La massima estrapolata:

In tema di licenziamento collettivo quando la riduzione di personale si riferisce in modo esclusivo ad un reparto o settore specifico, la platea dei lavoratori interessati può essere limitata ai soli addetti al settore soppresso o ridotto, esclusivamente sulla base di oggettive esigenze aziendali, coerenti con il progetto di ristrutturazione aziendale. Di conseguenza, non può essere ritenuta legittima la scelta dei soli lavoratori nel reparto soppresso o ridotto, quando questi siano in possesso di professionalità equivalente a quella degli addetti ad altre unità organizzative. L’annullamento del licenziamento irrogato al termine di una procedura collettiva per violazione dei criteri di scelta non può essere domandato indistintamente da tutti i lavoratori licenziati, ma soltanto da coloro che abbiano in concreto subito un pregiudizio per effetto della lamentata violazione, perché avente rilievo determinante rispetto al licenziamento.

Sentenza 19 marzo 2019, n. 7642

Data udienza 18 dicembre 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere

Dott. LORITO Matilde – Consigliere

Dott. MARCHESE Gabriella – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso 26578-2017 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dagli avvocati (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
(OMISSIS) S.R.L., in persona del legale rappresentante pro tempore elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);
– controricorrente –
e sul ricorso successivo senza numero di R.G. proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’Avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’Avvocato (OMISSIS);
– ricorrente successivo –
contro
(OMISSIS) S.R.L., in persona del legale rappresentante pro tempore elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);
– controricorrente successivo –
avverso la sentenza n. 605/2017 della CORTE D’APPELLO di SALERNO, depositata il 07/09/2017 R.G.N. 310/2017;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18/12/2018 dal Consigliere Dott. GABRIELLA MARCHESE;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CELENTANO Carmelo, che ha concluso per il rigetto del ricorso;
udito l’Avvocato (OMISSIS);
udito l’Avvocato (OMISSIS);
udito l’Avvocato (OMISSIS).

FATTI DI CAUSA

1. Il Tribunale di Nocera Inferiore, con sentenza n. 417 del 7.3.2017, rigettava l’opposizione proposta dalla societa’ (OMISSIS) SRL (di seguito per brevita’ (OMISSIS)) L. n. 92 del 2012, ex articolo 1, comma 51, avverso le ordinanze conclusive della fase sommaria di annullamento dei licenziamenti intimati a (OMISSIS) ed (OMISSIS) nell’ambito di una procedura di riduzione del personale, ai sensi della L. n. 223 del 1991.
2. La Corte di appello di Salerno, con sentenza n. 605 del 7.9.2017, in accoglimento del reclamo proposto dalla (OMISSIS), ed in riforma della sentenza di primo grado, respingeva le domande dei lavoratori.
2.1. Per quanto qui rileva, la Corte distrettuale escludeva che la societa’ avesse attribuito un peso “disomogeneo” ai tre criteri di scelta di cui alla L. n. 223 del 1991, articolo 5 ed osservava come la concorsualita’ degli stessi non fosse sinonimo di eguaglianza ma di contemporanea presenza valutativa.
2.2. Nel caso di specie, dove le esigenze della riduzione del personale erano strettamente collegate a programmi di riconversione industriale, con soppressione di alcune attivita’ all’interno delle aree di produzione, onde evitare la selezione dei soli lavoratori impiegati nei reparti da sopprimere e garantire la comparazione tra tutti coloro che fossero in possesso di professionalita’ equivalenti, nell’ambito del criterio delle esigenze tecniche, produttive ed organizzative, la societa’ aveva individuato quattro sottocriteri.
2.3. La Corte territoriale escludeva, in particolare, che al sottocriterio della “polivalenza” fosse stato attribuito un punteggio preponderante tale da disvelare un intento discriminatorio; la valutazione della “capacita’ di svolgere mansioni diverse su reparti diversi” era congruente con i programmi di investimento, riorganizzazione e conversione industriale enunciati nella lettera di avvio della procedura ex lege n. 223 del 1991; inoltre, a giudizio della Corte di Appello, non era da sottovalutare, da un lato, che la parte sindacale, nel corso dell’intera procedura, non avesse sollevato una specifica opposizione in relazione ai criteri di selezione (il disaccordo aveva riguardato il mancato ricorso agli ammortizzatori sociali) e, dall’altro, che i lavoratori neppure avessero offerto “(la) simulazione di una prova di resistenza”.
3. Avverso la decisione, (OMISSIS) ha proposto ricorso per cassazione, affidato a sette motivi, al quale ha resistito la societa’ (OMISSIS) con controricorso.
4. Avverso la medesima sentenza e’ stato proposto un successivo ricorso da (OMISSIS) con otto motivi di censura cui la societa’ ha resistito con controricorso.
5. (OMISSIS) e (OMISSIS) hanno depositato memoria ex articolo 378 c.p.c.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Preliminarmente, ai sensi dell’articolo 335 c.p.c., va dato atto della riunione dei ricorsi proposti in via autonoma nei confronti della stessa sentenza.
2. Con il primo motivo del ricorso di (OMISSIS) (corrispondente al secondo motivo del ricorso di (OMISSIS)) – ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 4 – e’ dedotta omessa pronuncia sull’eccezione di inammissibilita’ del reclamo, ai sensi dell’articolo 112 c.p.c.; si censura la decisione nella parte in cui avrebbe trascurato di provvedere in merito alla predetta eccezione, sollevata in relazione ai contenuti dell’atto di gravame, non conforme alle prescrizioni di legge.
2.1. Il primo motivo e’ privo di fondamento.
2.2. Come affermato da questa Corte in numerosi e condivisi approdi, non ricorre il vizio di omessa pronuncia, nonostante la mancata decisione su un punto specifico, quando la decisione adottata comporti una statuizione implicita di rigetto sui medesimo, ipotesi che si verifica allorquando, proposta un’eccezione di inammissibilita’ dell’appello, la sentenza impugnata abbia valutato nel merito i motivi posti a fondamento del gravame (in questi termini, vedi in motivazione, ex plurimis, Cass. n. 5351 del 2007; Cass. n. 4882 del 2018). Sulla delibata questione, e con riferimento al vizio di omessa motivazione, si e’ comunque ribadito che la decisione di accoglimento della domanda della parte comporta anche la reiezione dell’eccezione d’inammissibilita’ della domanda stessa, avanzata dalla controparte, senza che, in assenza di specifiche argomentazioni, sia configurabile un vizio di omessa motivazione, dovendosi ritenere implicita la statuizione di rigetto ove la pretesa o l’eccezione non espressamente esaminata risulti incompatibile con l’impostazione logico-giuridica della pronuncia (cfr. Cass. n. 17956 del 2015).
2.3. Nello specifico deve ritenersi che l’ampia disamina dei motivi di gravame da parte della Corte territoriale sia stata espressione di un rigetto implicito della eccezione di inammissibilita’ proposta dai lavoratori, onde la pronuncia resiste alla mossa censura.
2.4. In ogni caso, il motivo difetta di specificita’, per carente trascrizione dell’atto di reclamo, non essendo sufficiente, invece, il suo deposito (in argomento, Cass., sez.un., n. 2243 del 2015).
3. Con il secondo motivo del ricorso di (OMISSIS) (corrispondente al primo motivo del ricorso di (OMISSIS)) – ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 4 – e’ dedotta, ai sensi dell’articolo 112 c.p.c. – omessa pronuncia su una (delle) causae petendi della domanda proposta, non esaminata dal giudice di primo grado ed espressamente riproposta nel giudizio di reclamo.
3.1. Nello specifico, si denuncia il vizio di omesso esame della questione relativa all’incompleta indicazione delle modalita’ con cui la societa’ aveva attribuito il punteggio relativo al “criterio delle esigenze tecniche, produttive e organizzative”; cio’ in quanto, la parte datoriale riportava unicamente il punteggio complessivamente attribuito ad ogni lavoratore con riguardo al predetto criterio e non anche il punteggio assegnato per ciascuno dei sottocriteri in cui esso andava a scomporsi (“a. presenza; b. posizioni dichiarate in esubero; c. polivalenza; d. provenienza attivita’ dismesse “) cosi’ venendo meno all’obbligo di rendere esplicite le modalita’ con le quali sono stati applicati i criteri di scelta di cui alla L. n. 223 del 1991, articolo 5, comma 1 ed impedendo qualsivoglia esame anche comparativo con gli altri lavoratori.
3.2. In disparte profili di specificita’ del motivo (non e’ trascritta la comunicazione di cui alla L. n. 223 del 1991, articolo 4, comma 9, documento sul quale si fondano i rilievi, e neppure risultano trascritti integralmente, o quanto meno nei passaggi qui significativi, gli atti difensivi del giudizio di merito e la sentenza di primo grado, per valutare la rituale devoluzione della questione alla Corte di Appello), la censura e’ inammissibile per essere estranea al perimetro del mezzo impugnatorio di cui all’articolo 360 c.p.c., n. 4.
3.2. Il rapporto tra le istanze delle parti e la pronuncia del giudice, agli effetti dell’articolo 112 c.p.c., puo’ dare luogo a due diversi tipi di vizi: se il giudice omette del tutto di pronunciarsi su una domanda od un’eccezione, ricorrera’ un vizio di nullita’ della sentenza per “error in procedendo”, censurabile in Cassazione ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 4; se, invece, il giudice si pronuncia sulla domanda o sull’eccezione, ma senza prendere in esame una o piu’ delle questioni sottoposte al suo esame nell’ambito di quella domanda o di quell’eccezione, ricorrera’ un vizio di motivazione, censurabile in Cassazione ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 5, tempo per tempo vigente; l’erronea sussunzione nell’uno piuttosto che nell’altro motivo di ricorso del vizio che il ricorrente intende far valere in sede di legittimita’, comporta l’inammissibilita’ del ricorso (Cass. n. 7268 del 2012; in motivazione, paragg. 2 e ss., Cass. n. 23161 del 2018).
3.3. La deduzione che la parte datoriale avrebbe dovuto attribuire un punteggio in relazione a ciascun sottocriterio, in cui andava a scomporsi il criterio delle esigenze tecniche, produttive e organizzative, al fine di rendere palese le modalita’ di scelta, integra una questione all’interno della prospettata domanda di illegittimita’ del licenziamento per violazione dei criteri di scelta e non un’autonoma domanda rispetto alla quale sia denunciabile il vizio di mancanza di corrispondenza della pronuncia.
4. I motivi dal terzo al settimo dei due ricorsi sono sostanzialmente sovrapponibili.
5. Con il terzo motivo di ciascun ricorso e’ dedotta – ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 3 – violazione o falsa applicazione della L. n. 223 del 1991, articoli 4 e 5 nonche’ degli articoli 1175 e 1375 c.c.
5.1. Secondo le parti ricorrenti, la Corte di appello avrebbe eluso il principio secondo cui quando i dipendenti sono in possesso di professionalita’ equivalenti la riduzione di personale deve investire l’intero ambito aziendale e non limitarsi ai dipendenti addetti ai reparti in esubero; in particolare, la Corte di appello avrebbe sottovalutato il “peso” attributo, nell’ambito del criterio delle esigenze tecniche, produttive e organizzative, ai parametri “posizioni dichiarate in esubero” e “provenienza da attivita’ dismesse negli ultimi due anni” che, di fatto, a parita’ di professionalita’, finiva per privilegiare i lavoratori dei reparti non soppressi rispetto a quelli provenienti dai reparti dismessi.
5.2. Il motivo e’, nel complesso, da respingere.
5.3. In primo luogo, occorre rammentare il principio per cui, in tema di licenziamento collettivo, il relativo annullamento per violazione dei criteri di scelta (id est: illegittimita’ dei criteri di scelta), ai sensi della L. n. 223 del 1991, articolo 5 non puo’ essere domandato indistintamente da ciascuno dei lavoratori licenziati ma soltanto da coloro che, tra essi, abbiano in concreto subito un pregiudizio per effetto della violazione, perche’ avente rilievo determinante rispetto al licenziamento (Cass. n. 24558 del 2016).
5.4. Di tale preliminare questione si occupa la sentenza impugnata, sia pure in relazione al sottocriterio della polivalenza, laddove osserva che “comunque manca un prospetto generale su tutti i lavoratori in esubero dal quale possa evidenziarsi un alterno esito – piu’ o meno favorevole – per i due predetti (id est: gli odierni ricorrenti) rispetto a tutti gli altri lavoratori sicche’ manca la simulazione di una prova di resistenza”.
5.5. Tanto piu’ a fronte di siffatte argomentazioni, la parte ricorrente avrebbe dovuto, quanto meno, dedurre che la “neutralizzazione” dei criteri che assume illegittimi avrebbe impedito la sua collocazione in mobilita’, cosi’ da dimostrare la sussistenza di un preciso interesse ad agire.
5.6. La carente allegazione del profilo in oggetto rende, di conseguenza, il motivo inammissibile per difetto di interesse.
5.7. In ogni caso, nella sentenza impugnata non si colgono statuizioni in contrasto con i principi che questa Corte ha elaborato in tema di licenziamento collettivo per riduzione di personale, quando il progetto di ristrutturazione aziendale si riferisca in modo esclusivo ad un’unita’ produttiva o ad uno specifico settore dell’azienda.
5.8. Al riguardo, e’ stato affermato che la platea dei lavoratori interessati puo’ essere limitata agli addetti ad un determinato reparto o settore solo sulla base di oggettive esigenze aziendali, in relazione al progetto di ristrutturazione aziendale. Di contro, il datore di lavoro non puo’ limitare la scelta dei lavoratori da porre in mobilita’ ai soli dipendenti addetti a tale reparto o settore se essi siano idonei – per il pregresso svolgimento della propria attivita’ in altri reparti dell’azienda – ad occupare le posizioni lavorative di colleghi addetti ad altri reparti, con la conseguenza che non puo’ essere ritenuta legittima la scelta di lavoratori solo perche’ impiegati nel reparto operativo soppresso o ridotto, trascurando il possesso di professionalita’ equivalente a quella di addetti ad altre realta’ organizzative (Cass. sez. lav. n. 203 del 12/1/2015; Cass. n. 22655 del 2012).
5.9. Nel caso concreto, la Corte territoriale, come gia’ riportato nello storico, ha escluso che fosse stato attribuito un peso “disomogeneo” ai tre criteri di scelta di cui all’articolo 5 ed osservato come tutti e tre i criteri legali fossero stati valorizzati.
5.10. In particolare, ha valutato come l’articolazione del criterio delle esigenze tecniche, produttive ed organizzative in quattro “sottocriteri”, con attribuzione di “diversificati punteggi” (recte parametri a sua volta corrispondenti a punteggi), rispondesse proprio alla funzione di comparazione tra tutti i lavoratori aventi mansioni equivalenti nei vari settori di attivita’ produttiva.
5.11. Il giudizio in tal senso reso, confinato nell’area dell’apprezzamento di merito, non e’ censurabile in questa sede, se non nei ristretti limiti di cui all’articolo 360 c.p.c., n. 5
6. Con il quarto motivo di ciascun ricorso – ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 5 – e’ dedotto l’omesso esame di uno o piu’ fatti decisivi per il giudizio oggetto di discussione tra le parti.
6.1. E’ riproposta, in effetti, la censura di cui al motivo che precede; si imputa alla Corte di merito di aver confuso i “parametri” con i “punteggi” e di non aver considerato che i “sottocriteri” hanno finito per privilegiare i dipendenti non addetti ai reparti dichiarati in esubero, attribuendo agli stessi un “vantaggio ” assolutamente sproporzionato, in grado di annichilire, di per se’, la rilevanza dei criteri concorrenti dell’anzianita’ e dei carichi di famiglia.
6.2. La censura, tuttavia, prospettata come vizio di motivazione, non indica, nei termini rigorosi richiesti dal vigente testo dell’articolo 360 c.p.c., n. 5 (applicabile alla fattispecie) il “fatto storico”, non esaminato, che abbia costituito oggetto di discussione e che abbia carattere decisivo (Cass., sez.un., n. 8053 del 2014) ed e’, pertanto, inammissibile.
7. Con il quinto e sesto motivo di entrambi i ricorsi – ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 3 – e’ dedotta violazione o falsa applicazione della L. n. 223 del 1991, articolo 4, comma 9, nonche’ degli articoli 1175, 1375 e 2103 c.c.
7.1. Assumono le parti ricorrenti che la Corte di appello avrebbe errato nell’attribuire alla “polivalenza” quale articolazione del criterio delle esigenze tecniche organizzative il significato di “capacita’ di svolgere mansioni diverse sui reparti diversi” e nel ritenere il criterio coerente con la conversione aziendale che esigeva la permanenza di lavoratori che avessero gia’ maturato una esperienza professionale nel settore in cui si sarebbe sviluppato l’investimento riorganizzativo.
7.2. Le parti ricorrenti osservano come il decisum non sia coerente con il contenuto della comunicazione inviata dalla societa’ ai sensi della L. n. 223 del 1991, articolo 4, comma 9 e non considera (sesto motivo in particolare) che il requisito della “polivalenza” si otteneva attraverso lo svolgimento di una pluralita’ di mansioni “per almeno sei mesi nell’ultimo anno”.
7.3. I motivi sono inammissibili.
7.4. Ferme le considerazioni in punto di difetto di interesse ad agire, si imputa, nella sostanza, al giudice di merito di aver attribuito al criterio della polivalenza un significato errato perche’ desunto da un’inesatta interpretazione degli atti della procedura ed, in particolare, della comunicazione di cui all’articolo 4, comma 9 legge cit.
7.5. Ribadita l’omessa trascrizione della comunicazione in oggetto, nelle parti salienti, con violazione degli oneri di allegazione e specificazione di cui all’articolo 366 c.p.c., n. 6 e articolo 369 c.p.c., n. 4, la parte ricorrente, a ben vedere, sollecita una differente interpretazione di un atto negoziale che costituisce, invece, attivita’ riservata al giudice di merito (ex plurimis, Cass. nr 11699 del 2013; Cass. n. 4178 del 2007), incensurabile in sede di legittimita’, se non attraverso la specifica deduzione (non affatto contenuta nei motivi di ricorso) del modo in cui vi sarebbe stata violazione dei – canoni legali di ermeneutica contrattuale, di cui agli articoli 1362 c.c. e ss., ovvero con denuncia di un vizio di motivazione, indicando – evenienza che non ricorre nella specie – il fatto storico che, se esaminato, avrebbe condotto sicuramente ad un esito differente.
8. Con il settimo motivo – ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 4 – e’ dedotta la violazione dell’articolo 111 Cost. nonche’ dell’articolo 132 c.p.c. (nel ricorso di (OMISSIS) si denuncia anche ed espressamente l’anomalia motivazionale) con riferimento alla valutazione della prova testimoniale.
8.1. L’anomalia motivazionale, come chiarito dalle sezioni Unite di questa Corte (pronuncia n. 8053 e 8054 del 2014) integra un “error in procedendo” che comporta la nullita’ della sentenza solo nel caso di “mancanza assoluta di motivi sotto l’aspetto materiale e grafico”, di “motivazione apparente”, di “contrasto irriducibile fra affermazioni inconciliabili”, di “motivazione perplessa ed obiettivamente incomprensibile”, esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di “sufficienza” della motivazione.
8.2. E’ stato, inoltre, precisato che di “motivazione apparente” o di “motivazione perplessa e incomprensibile” puo’ parlarsi laddove essa non renda “percepibili le ragioni della decisione, perche’ consiste di argomentazioni obiettivamente inidonee a far conoscere l’iter logico seguito per la formazione del convincimento, di talche’ essa non consenta alcun effettivo controllo sull’esattezza e sulla logicita’ del ragionamento del giudice” (Cass., sez.un., n. 22232 del 2016).
8.3. Situazioni queste che non si riscontrano nella sentenza impugnata perche’ la Corte territoriale ha spiegato in maniera chiara le ragioni della decisione evidenziando come gli odierni ricorrenti non avessero svolto mansioni differenti tali da integrare la condizione della “polivalenza” (entrambi i lavoratori non avevano mutato il contenuto professionale della prestazione ne’ nell’arco temporale di riferimento ne’ in assoluto: (OMISSIS) aveva svolto sempre le stesse mansioni sia pure con diverso inquadramento professionale, l’ (OMISSIS) non aveva variato i compiti assegnatigli).
8.4. Il motivo, come si ricava agevolmente dalla illustrazione della censura in entrambi i ricorsi, al di la’ della sua formale rubricazione, impinge nel merito della valutazione della prova testimoniale, censurando – in modo inammissibile – l’apprezzamento dei fatti da parte del giudice di merito.
9. Con l’ottavo motivo del ricorso di (OMISSIS) e’ dedotto – ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 5 – l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio, – oggetto di discussione tra le parti.
9.1. Le censure di cui al settimo motivo sono riproposte dall’Esposito anche sotto forma di vizio di motivazione senza tuttavia che sia illustrato il fatto storico non esaminato e decisivo; in ogni caso, il motivo si fonda sulla “nota aziendale del 29.5.2016” non trascritta nel motivo (la nota e’ riportata nell’ambito del quarto motivo ma non nelle parti salienti ai fini che qui occupano).
10. In conclusione, i ricorsi vanno respinti.
11. L’alterno esito dei giudizi di merito giustifica la compensazione delle spese del presente giudizio.
12. Sussistono i presupposti per il raddoppio del contributo unificato da parte di (OMISSIS) e (OMISSIS).

P.Q.M.

La Corte rigetta i ricorsi e compensa le spese del giudizio di legittimita’.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte di (OMISSIS) e (OMISSIS), dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per i rispettivi ricorsi a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...