In caso di rumori intollerabili il reato è perseguibile d’ufficio

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 11 febbraio 2020, n. 5422 Massima estrapolata: In caso di rumori intollerabili il reato è perseguibile d’ufficio ed è ininfluente la remissione di querela. Il reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone, previsto e punito dall’ articolo 659 del Codice penale, non è posto a tutela del singolo danneggiato, ma … Leggi tutto In caso di rumori intollerabili il reato è perseguibile d’ufficio

E’ responsabile il committente per l’incidente sul lavoro

Corte di Cassazione, sezione quarta penale, Sentenza 7 febbraio 2020, n. 5113 Massima estrapolata: E’ responsabile il committente per l’incidente sul lavoro in un appalto anche prima della vigenza delle norme sul Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (Duvri) – un documento obbligatorio introdotto dall’articolo 26 del testo unico sulla sicurezza (Dlgs 81/2008) – se si era impegnato … Leggi tutto E’ responsabile il committente per l’incidente sul lavoro

Giudizio abbreviato condizionato ad integrazione probatoria

Corte di Cassazione, sezioni unite penali, Sentenza 13 febbraio 2020, n. 5788 Massima estrapolata: Nel corso del giudizio abbreviato condizionato ad integrazione probatoria a norma dell’art. 438, comma 5, cod. proc. pen. o nel quale l’integrazione probatoria sia stata disposta a norma dell’art. 441, comma 5, dello stesso codice è possibile la modifica dell’imputazione solo per i fatti emergenti dai … Leggi tutto Giudizio abbreviato condizionato ad integrazione probatoria

Riconoscimento o dell’esclusione del fatto di lieve entità

Corte di Cassazione, sezione sesta penale, Sentenza 14 febbraio 2020, n. 5927 Massima estrapolata: Ai fini del riconoscimento o dell’esclusione del fatto di lieve entità ex articolo 73, comma 5, del Dpr n. 309 del 1990, è necessaria la valutazione complessiva degli indici elencati dalla disposizione. Solo poi all’esito della “valutazione globale” di tutti gli indici che determinano il profilo … Leggi tutto Riconoscimento o dell’esclusione del fatto di lieve entità

Corte di Cassazione e condanna generica dell’imputato ricorrente al pagamento delle spese processuali sostenute dalla parte civile

Corte di Cassazione, sezioni unite penali, Sentenza 12 febbraio 2020, n. 5464 Massima estrapolata: Nel giudizio di legittimità spetta alla Corte di Cassazione provvedere, ai sensi dell’art. 541 c.p.p., alla condanna generica dell’imputato ricorrente al pagamento delle spese processuali sostenute dalla parte civile ammessa al patrocinio dello Stato; spetta invece al giudice del rinvio o a quello che ha pronunciato … Leggi tutto Corte di Cassazione e condanna generica dell’imputato ricorrente al pagamento delle spese processuali sostenute dalla parte civile

La qualità di cartiera di una società

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 19 febbraio 2020, n. 6509 Massima estrapolata: La qualità di cartiera di una società può essere affermata definendo “tutte” le fatture di un determinato anno relative a operazioni inesistenti senza giungere alla specificazione dei destinatari e anche rilevando l’assenza di documenti giustificativi di spese e costi sostenuti in relazione a prelievi dai conti … Leggi tutto La qualità di cartiera di una società

Il delitto di autoriciclaggio

Corte di Cassazione, sezione seconda penale, Sentenza 18 febbraio 2020, n. 6397 Massima estrapolata: Commette il delitto di autoriciclaggio l’imprenditore che riceve per contanti le somme precedentemente bonificate a seguito della contabilizzazione di false fatture. Sentenza 18 febbraio 2020, n. 6397 Data udienza 25 ottobre 2019 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri … Leggi tutto Il delitto di autoriciclaggio

In tema di testimonianza del minore vittima di violenza sessuale

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 14 febbraio 2020, n. 5915 Massima estrapolata: In tema di testimonianza del minore vittima di violenza sessuale, l’inosservanza dei protocolli prescritti dalla cosiddetta “Carta di Noto” nella conduzione dell’esame non determina alcuna nullità o inutilizzabilità, né è, di per sé, ragione di inattendibilità delle dichiarazioni raccolte, pur quando l’esame sia condotto dal consulente … Leggi tutto In tema di testimonianza del minore vittima di violenza sessuale

Chi dopo essersi separato affida il cane di famiglia all’ex coniuge

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 20 febbraio 2020, n. 6609 Massima estrapolata: Chi, dopo essersi separato, affida il cane di famiglia all’ex coniuge, pur conoscendone l’avversione, risponde alla pari dell’eventuale abbandono dell’animale in quanto ne ha consapevolmente accettato il rischio. Sentenza 20 febbraio 2020, n. 6609 Data udienza 20 novembre 2019 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA … Leggi tutto Chi dopo essersi separato affida il cane di famiglia all’ex coniuge

Pubblico ufficiale che utilizza per scopi privati il telefono d’ufficio

Corte di Cassazione, sezione sesta penale, Sentenza 19 febbraio 2020, n. 6550 Massima estrapolata: Al pubblico ufficiale che utilizza per scopi privati il telefono d’ufficio per circa due anni non si applica la causa di non punibilità della particolare tenuità del fatto di cui all’articolo 131-bis del Codice penale, in quanto il reato continuato, quale quello in esame, configura un’ipotesi … Leggi tutto Pubblico ufficiale che utilizza per scopi privati il telefono d’ufficio