Abusivo esercizio professione di avvocato e particolare tenuità del fatto

Corte di Cassazione, sezione seconda penale, Sentenza 22 novembre 2018, n. 52619. La massima estrapolata: Deve essere esclusa la particolare tenuità del fatto in caso di abusivo esercizio della professione di avvocato. Sentenza 22 novembre 2018, n. 52619 Data udienza 13 novembre 2018 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE … Leggi tutto Abusivo esercizio professione di avvocato e particolare tenuità del fatto

Reato di evasione dagli arresti domiciliari

Corte di Cassazione, sezione sesta penale, Sentenza 22 novembre 2018, n. 52681. La massima estrapolata: Ai fini dell’integrazione del reato di evasione dagli arresti domiciliari è irrilevante la dichiarazione, resa dal soggetto che si sia volontariamente allontanato dal luogo di restrizione e che sia stato tratto in arresto nella pubblica via, di volersi recare alla stazione … Leggi tutto Reato di evasione dagli arresti domiciliari

Se il reato presupposto commesso dalla persona fisica è prescritto la confisca delle quote sociali e dei beni della società non può essere ordinata

Corte di Cassazione, sezione seconda penale, Sentenza 21 novembre 2018, n. 52470. La massima estrapolata: Il giudice, se il reato presupposto commesso dalla persona fisica è prescritto, non può ordinare la confisca delle quote sociali e dei beni della società nell’ambito di un procedimento per la responsabilità amministrativa dell’ente, senza determinare il vantaggio per la compagine. … Leggi tutto Se il reato presupposto commesso dalla persona fisica è prescritto la confisca delle quote sociali e dei beni della società non può essere ordinata

Responsabilità da reato degli enti e la revoca della misura interdittiva

Corte di Cassazione, sezioni unite penali, Sentenza 14 novembre 2018, n. 51515. La massima estrapolata: In tema di responsabilità da reato degli enti, la revoca della misura interdittiva disposta a seguito di condotte riparatorie poste in essere ai sensi degli art.17 e 49, d.lgs. n.231 del 2001, intervenuta nelle more dell’appello cautelare proposto nell’interesse della società … Leggi tutto Responsabilità da reato degli enti e la revoca della misura interdittiva

Omessa dichiarazione non c’è incompatibilità tra recidiva e continuazione

Corte di Cassazione, sezioni terza penale, Sentenza 14 novembre 2018, n. 51453. La massima estrapolata: In un’omessa dichiarazione non c’è incompatibilità tra recidiva e continuazione, possono dunque essere applicati entrambi praticando sul reato base, se del caso, un aumento di pena per la recidiva e quello per la continuazione che può essere riconosciuta anche fra un … Leggi tutto Omessa dichiarazione non c’è incompatibilità tra recidiva e continuazione

Corretta adozione delle misure di prevenzione e il loro adeguamento.

Corte di Cassazione, sezione quarta penale, Sentenza 12 novembre 2018, n. 51321. La massima estrapolata: Il datore deve anche sorvegliare sulla corretta adozione delle misure di prevenzione e sul loro adeguamento. Il comportamento imprudente ma connesso alla prestazione non esonera il responsabile. Sentenza 12 novembre 2018, n. 51321 Data udienza 9 ottobre 2018 REPUBBLICA ITALIANA IN … Leggi tutto Corretta adozione delle misure di prevenzione e il loro adeguamento.

Patteggiamento e le spese per il mantenimento in carcere

Corte di Cassazione, sezione quarta penale, Sentenza 7 novembre 2018, n. 50314 La massima estrapolata: Il patteggiamento non evita all’imputato di pagare le spese per il suo mantenimento in carcere durante la custodia cautelare. I benefici del rito alternativo sono, infatti, limitati alle spese del procedimento. Sentenza 7 novembre 2018, n. 50314 Data udienza 11 luglio … Leggi tutto Patteggiamento e le spese per il mantenimento in carcere

Violenza sessuale aggravata dall’abuso delle minorate condizioni della vittima

Corte di Cassazione, sezione quarta penale, Sentenza 7 novembre 2018, n. 50305 La massima estrapolata: Ai fini della configurabilità della violenza sessuale aggravata dall’abuso delle minorate condizioni psicofisiche della vittima, in particolare per l’assunzione di droga (articolo 609-bis, comma 2, numero 1, del codice penale), è irrilevante la volontarietà/involontarietà dell’assunzione della droga, giacché ciò che rileva … Leggi tutto Violenza sessuale aggravata dall’abuso delle minorate condizioni della vittima

Bancarotta fraudolenta cosiddetta “impropria”

Corte di Cassazione, sezione quinta penale, Sentenza 7 novembre 2018, n. 50489 La massima estrapolata: La bancarotta fraudolenta cosiddetta “impropria”, cioè commessa attraverso reati societari, può essere “aggravata” dalla circostanza di una pluralità dei fatti che hanno determinato il dissesto. Sentenza 7 novembre 2018, n. 50489 Data udienza 16 maggio 2018 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL … Leggi tutto Bancarotta fraudolenta cosiddetta “impropria”

Delitto di cui art. 452-bis del Cp ha ad oggetto tutela penale l’ambiente

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 6 novembre 2018, n. 50018 La massima estrapolata: Il delitto di cui al 452-bis del Cp (al quale è tendenzialmente estranea la protezione della salute pubblica) ha quale oggetto di tutela penale l’ambiente in quanto tale e postula l’accertamento di un concreto pregiudizio a questo arrecato, secondo i limiti … Leggi tutto Delitto di cui art. 452-bis del Cp ha ad oggetto tutela penale l’ambiente